Riciclo, un gioco da ragazzi

 

 

Parte a Genova il progetto di educazione ambientale “Riciclala…e aiuti il tuo mare!”. Incontro in aula e pulizia di alcuni tratti delle spiagge pubbliche

 

Genova battezza il progetto di educazione ambientale “Riciclala…e aiuti il tuo mare!” promosso da Corepla, Amiu e amministrazione comunale per educare i più giovani alla raccolta differenziata e alla prevenzione dei rifiuti sulle spiagge e in mare.

Si tratta di un percorso didattico destinato alle scuole primarie e secondarie di I grado, articolato in un breve ciclo di incontri, della durata di due ore, che si svolgerà nei mesi di aprile e maggio. Ad oggi sono 18 le classi delle scuole elementari e medie dei nove Municipi cittadini che hanno aderito all’iniziativa. Tutte le classi avranno a disposizione “Riciclala!”, il kit didattico sulla raccolta e sul riciclo della plastica che stimola l’apprendimento attraverso il gioco e attività laboratoriali.

Otre alle lezioni in aula, il progetto prevede la pulizia di alcuni tratti delle spiagge pubbliche della città per toccare con mano il problema dei rifiuti abbandonati ed evidenziare soluzioni concrete, a partire dalla raccolta differenziata, il primo passo per dare inizio al ciclo del riciclo.

“L’educazione alla raccolta differenziata e le azioni di pulizia delle spiagge aiutano i ragazzi a comprendere i comportamenti che ogni cittadino può mettere in campo per tutelare i nostri mari - commenta Massimo di Molfetta, responsabile Relazioni col Territorio di Corepla -. La plastica arriva in mare per una mancata gestione a terra: il 90% proviene da 10 fiumi, di cui nessuno è europeo". "In Italia - aggiunge di Molfetta - nello scorso anno l’83% degli imballaggi in plastica è stato recuperato e quanto non recuperato purtroppo è finito in discarica. La plastica recuperata diventa nuova materia prima per la produzione di manufatti, salvaguardando risorse fossili e incrementando l’occupazione: l’economia circolare si innesca così”.