Le giornate della ricerca di COREPLA

Si è conclusa la seconda edizione delle “Giornate della Ricerca”, promosse da Corepla e ospitate dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

 

Nella due giorni toscana, si è discusso di come poter raggiungere gli obiettivi di sostenibilità prefissati dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, pur mantenendo un tasso di crescita economico sufficiente al fabbisogno sociale. Fra progetti d’innovazione, testimonianze d’imprese e linee guida per i cittadini, Corepla – il consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica – ha chiesto che il dibattito sulle plastiche sia portato avanti con «un approccio tecnologico e non ideologico». «Torniamo a casa con un bagaglio culturale estremamente interessante. Nella prima giornata, abbiamo visto come il consumatore e le istituzioni siano centrali, poiché senza una corretta raccolta differenziata non si può partire. Nella seconda parte, invece, abbiamo ascoltato le imprese. Eni, per esempio, ci ha mostrato come trasformare una raffineria in una green refiniry, non partendo più da materie prime fossili, ovvero il petrolio, ma da materie prime derivate da imballaggi di plastica differenziata. Versalis (gruppo Eni, ndr) lavora sul recupero dei bicchieri delle macchinette del caffè, mentre Equipolymers ha mostrato come il riciclo chimico del Pet sia già una realtà. Siamo arrivati all’economia circolare», ha detto Antonello Ciotti, presidente di Corepla, tracciando un bilancio dell’evento pisano che prosegue idealmente il percorso iniziato nel 2018 a Palermo.

© 2017 IPPR - Istituto per la Promozione delle Plastiche da Riciclo - C.F.: 97381090154
Via San Vittore 36, 20123 Milano - Tel: 02 43928247 - Fax: 02 435432 .
All Rights Reserved. Informativa privacy e cookie policy
Design & Development by Sogesi