Plastotecnica punta sulla gamma Bigreen e lancia nuovi prodotti riciclati e certificati

 

Plastotecnica prosegue nel suo progetto di sviluppo sostenibile nell’ambito dell’economia circolare e salvaguardia ambientale, restando fedele alla sua natura e ai valori: chiarezza, concretezza e responsabilità sociale.

 

 

 

La scelta di sottoporre i prodotti contenenti plastica riciclata al percorso di certificazione Plastica Seconda Vita nasce dallo spirito di trasparenza che contraddistingue Plastotecnica e che caratterizza i rapporti con i partner, siano essi clienti o fornitori. Il marchio PSV, infatti, è il primo marchio italiano ed europeo dedicato alla plastica riciclata, che poggia sulle garanzie offerte da una rigorosa qualificazione delle materie plastiche di riciclo, e dalla tracciabilità, ad ogni livello della filiera, dei materiali plastici; viene rilasciato da enti terzi accreditati, a conclusione di un iter di certificazione composto da una fase documentale e successiva verifica in loco, garantendo quindi la massima imparzialità e obiettività del risultato.

 

 

 

Il percorso certificativo si inserisce nel più ampio piano di sviluppo di prodotti sostenibili intrapreso dall'azienda. “Vogliamo dare il nostro contributo nel ridurre l’impatto ambientale, per questo il nostro team di R&D è impegnato nello sviluppo di materiali innovativi, in grado di assicurare soluzioni effettivamente sostenibili e allo stesso tempo garantire gli elevati standard qualitativi e le prestazioni dei prodotti realizzati con polietilene vergine.”: dice Valentina Betto, R&D and Sustainability Manager in Plastotecnica.

 

I risultati sono tangibili, dimostrati dal continuo ampliamento, aggiornamento e miglioramento della gamma BiGreen Second Life, dedicata appunto ai materiali da imballaggio in polietilene con contenuto di polimeri provenienti da processi di riciclo. Di conseguenza, anche le certificazioni PSV di Plastotecnica nel 2021 presentano diverse novità, non solo relativamente alla gamma dei materiali certificati ma anche alla tipologia di marchio ottenuta.

 

Ad esempio, la foglia termoretraibile per fardello, anche stampata, può ora vantare il marchio PSV da Raccolta Differenziata, che attesta un contenuto di riciclato del 60% proveniente interamente da rifiuti derivati dalla raccolta differenziata o da altri circuiti post-consumo. Anche la nuova linea di film estensibile BiGreen Second Life con contenuto di polietilene riciclato pari al 60% - new entry della gamma - vanta già il riconoscimento del marchio PSV Mixeco.

 

 

 

La politica aziendale è orientata al modello di sviluppo sostenibile, e in quest’ottica Plastotecnica ha messo a punto un piano di sostenibilità a lungo termine che prevede da un lato un progressivo efficientamento dei processi produttivi al fine di ridurne l’impatto ambientale e dall’altro lato l’introduzione di prodotti maggiormente sostenibili, coinvolgendo tutti gli stakeholder nell’implementazione di modelli di consumo rispettosi dell’ambiente, indirizzandoli verso scelte di packaging ecocompatibili e comportamenti virtuosi.